salario minimo si da fame no 1

Con la sentenza del 31/05/2022 della Corte d’Appello del tribunale di Milano, riguardante i lavoratori GSA SpA operanti in appalto presso ATM Milano nella vigilanza dei depositi tranviari, metropolitani, autobus, autofilotranviari e uffici, si fa giustizia rispetto ad una delle più clamorose situazioni di sfruttamento a cielo aperto e di ufficiale legalità.

Leggi tutto...

La moderna antichità

Sei un nero, non sederti vicino a me”. Le lapidarie parole pronunciate da una viaggiatrice trevigiana su un autobus Flixbus, sono la paradigmatica rappresentazione di come il potere sta incanalando e accompagnando questa società: il becero e fascistoide razzismo del potere politico, quello dei governi e

dei partiti che continuano a governare questo paese e, purtroppo, non solo questo. È proprio su questo aspetto della “politica” contemporanea che è necessario e doveroso puntare la massima attenzione per capire il risultato finale stesso che sta producendo, che è l’impoverimento massiccio della classe operaia e lo spudorato arricchimento di chi comanda, dai politici ai padroni, dalle banche ai grandi capitalisti.

La signora sull’autobus che si “ribella” per il fatto che al suo fianco si è seduta un ragazzo dalla pelle nera, è proprio questo il prodotto finale che la politica di oggi vuole: il tuo nemico è chi sta peggio di te e puoi ribellarti solo contro di lui, devi invece chiudere gli occhi rispetto alla devastazione, in tutti i sensi, che i politici stanno producendo.

Il mondo del lavoro e i diritti dei lavoratori, infatti, registrano degli importanti arretramenti sia salariali che normativi: devi chiudere gli occhi davanti a questo macabro scenario perché, per loro, il tuo nemico, non deve essere il politico, ma il nero o il povero disgraziato. A vedere dai risultati elettorali, pur essendoci quasi la metà di astensionismo, comunque ottengono delle piccole maggioranze che gli permettono di impostare la società.

Non è un caso quanto il governo gialloverde ha inserito nel recente “decreto sicurezza”, laddove hanno inserito la criminalizzazione dei lavoratori che decidono di lottare contro lo sfruttamento e i salari da fame; un decreto studiato ad hoc contro i lavoratori della logistica, a forte presenza di manodopera immigrata, ma anche contro le molte categorie di lavoratori nostrani che potrebbero decidere prossimamente di alzare la testa e di togliersi dalla scomoda posizione a novanta gradi.

Non è criminalizzato, anzi è molto tollerato, persino il traffico di droga. D’altro canto, anche esponenti politici(recentemente un arrestato della Lega) sono impegnati in questo settore utile a tenere sotto controllo fette di disagio sociale: un classico esempio è quanto avviene tutti i giorni attorno alla stazione di Rogoredo(Milano).

CONTRO LA CORRUZIONE DELLA POLITICA,

CONTRO RAZZISMO, MISERIA E BARBARIE

NOI CI SEDIAMO E CI SIEDEREMO SEMPRE A

FIANCO DEI NERI

Milano, 23 ottobre 2018                                       www.solcobas.org

facebook Logo logo twitter