GUERRA E SACRIFICI:

IL VERO NEMICO E’ IN CASA NOSTRA. FERMIAMOLO!

Leggi tutto...

CONTRATTACCO!

Nel giorno dello sciopero nazionale intercategoriale indetto da Usb e Sgc contro la guerra e le penalizzazioni economiche che ne discendono a tutto svantaggio della classe lavoratrice e dei ceti popolari, il Sol Cobas ha promosso due azioni di sciopero presso gli impianti milanesi di Poste Italiane e Amazon.

 

Lavoro: Napoli, corteo operai Banchi Nuovi - manutenzione stradale

Rinnovo contratto, si riconosca ruolo di operatori ambientali

NAPOLI

(ANSA) - NAPOLI, 19 APR - Di nuovo in piazza oggi a Napoli i lavoratori della manutenzione stradale regione Campania per chiedere la convocazione del tavolo tra governo regione e province per l'approssimarsi della scadenza del loro contratto prevista per il primo ottobre.

trucchi trappole truffe titolo

È scacco matto anche per i 120 mila tranvieri, in completa balia delle onde di un governo guerrafondaio e di sindacati assenti oltre che, conniventi in tutto e per tutto con aziende, governi, banche e banchieri.

Anche rispetto al contratto nazionale, scaduto da oltre 4 anni e con stipendi in inarrestabile declino, assistiamo all’inutilità delle parrocchie confederali che, come stella polare, mirano solo e soltanto alla salvaguardia dei loro interessi e privilegi.

solidariet alla usb

La montatura provocatoria messa in atto presso la sede nazionale dell'USB attraverso l'irruzione dei Carabinieri (su segnalazione anonima, ovviamente) è un fatto molto grave di fronte al quale è necessaria una chiara presa di posizione del più ampio fronte politico-sindacale possibile.

Innanzitutto per difendere spazi e agibilità necessari a tutto il movimento e le organizzazioni della classe lavoratrice, ben al di là delle differenze politche al proprio interno senza mai perdere di vista, nemmeno per un istante, il solco di sangue che lo separa da tutte le organizzazioni e istituzioni del campo avversario

Firenze 26 marzo 2022

IL LUNGO FIUME OPERAIO INSORGENTE

Un’intensa manifestazione operaia e popolare, quindi corposamente politica, quella di ieri a Firenze che è tornata a sbandierare con vigore la spinta di un nuovo paradigma di società, nascente dal basso, alternativa alla mostruosità del grande corpo capitalista con i suoi cento tentacoli distruttivi.

Ucraina titolo

Un vero e proprio asse del male(o di guerra), quello che ci circonda da parecchi anni.

Un grande errore storico pensare ad un conflitto cominciato solo poche settimane fa. Cominciano, infatti, ad emergere, verità purtroppo, drammaticamente inoppugnabili.

E non poteva essere che l’Ucraina, per ora, il centro di gravità su cui si concentrano tutti gli occhi, visto il permanere a capo di un oligarca nazista (Zelensky) che ha svenduto il suo paese, e il suo popolo, agli appetiti della Nato e della famiglia Biden, con Draghi e il suo governo a far da reggicoda.

IPOCRISIE SU IPOCRISIE

Con una disinvoltura tipica di menti fortemente alienate e schizofreniche, la nostra classe dirigente partecipa alle manifestazioni per la pace per poi, il giorno dopo, far decollare aerei con carichi spacciati per “umanitari”, laddove per umanitario si intende armi, bombe, dotazioni di guerra, strumenti di sterminio.

Fuori e contro la guerra imperialista in Ucraina!

Il nemico è in casa nostra: i padroni e i loro governi!

La guerra in Ucraina rappresenta un vero e proprio confronto strategico tra l’imperialismo statunitense ed europeo-atlantista e la potenza capitalista russa.

Un confronto dove "la guerra è la continuazione della politica con altri mezzi" nella contesa della spartizione delle aree d’influenza. Un conflitto di media-alta intensità che può determinare un’escalation a livello mondiale.

L A  L O T T A  P A G A

MA LO STATO VUOLE IMPORRE UN PREZZO

Mancano pochissimi giorni a Natale 2017 quando (sembra assurdo, ma in una società sempre più chiusa ed individualista alle volte ci si ritrova lontani anche quando si è fisicamente vicini), sono i compagni del Sol Cobas di Milano ad informarci che la grande, encomiabile lotta dei facchini della logistica è giunta anche a Rovereto, alla BRT. Ci andiamo, maestri di nessuno, ci spinge una solidarietà umana ancor prima che politica.